DOMANDE FREQUENTI SUI NOSTRI SERVIZI

CASETTE DELL’ ACQUA

La casetta dell’acqua è un punto di erogazione automatica di acqua, installate in spazi pubblici, in funzione 24 ore su 24, collegato direttamente alla rete dell’acquedotto. E’ dotata di due postazioni di prelievo facilmente accessibili ognuna delle quali può erogare acqua naturale e gassata refrigerata

E’ sufficiente inserire del credito o le tessere ricaricabili e premere il tasto d’attivazione dell’erogatore che, eroga 1 litro per volta di acqua naturale o gassata.

Il costo di un litro di acqua è di soli 5 centesimi al litro. Il prezzo è decisamente competitivo stimando che il costo medio di un litro d’acqua è di 30 centesimi.

Due sono le modalità possibili di pagamento:
Inserendo monete da 5,10,20 o 50 centesimi oppure monete da 1 o 2 €;
oppure utilizzando la tessera ricaricabile direttamente al distributore.
Il distributore non dà resto quindi quando si usano le monete verificare sempre di inserire l’importo giusto.
Dalla tessera, invece, viene scalato esattamente l’importo dell’acqua prelevata.

È possibile richiedere la tessera presso il sito di AQUA CRISTALLINA che segnalerà il punto di distribuzione più vicino.

Attingere acqua dalla casetta comporta notevoli vantaggi.
È un servizio a chilometro zero: l’acqua arriva direttamente dalla fonte, pura e di qualità, e viene controllata e monitorata periodicamente dai nostri tecnici qualificati e dalle ASL di competenza. Prendendola direttamente dalla fonte non c’è trasporto su autoarticolati; usando bottiglie di vetro si contribuisce a ridurre l’impatto ambientale legato al quantitativo di plastica da smaltire , inoltre il vantaggio economico è evidente.

Per rendere più gradevole al palato e più vicina ai gusti e alle abitudini dei consumatori, viene effettuato un processo di microfiltrazione dell’acqua, abbinato alla sterilizzazione a raggi ultravioletti. Il filtro composito è in grado di eliminare: il cloro (qualora questo venga immesso), odori, sapori e colori (qualora presenti). L’acqua viene resa inodore, insapore, incolore, così come deve essere e privata, appena prima dell’utilizzo, del cloro.
Il cloro ha un ruolo fondamentale nell’acqua potabile in quanto distrugge i batteri e garantisce l’assenza di carica batterica lungo tutta la rete di distribuzione. Per questo motivo diventa un vantaggio rimuoverlo appena prima dell’utilizzo, così come avviene nei distributori dell’ acqua. Tramite una speciale lampada a raggi ultravioletti, viene sterilizzata l’acqua appena prima dell’erogazione. La composizione chimica non viene modificata e rimane quella della sorgente. L’acqua microfiltrata e sterilizzata viene refrigerata ed erogata, naturale o addizionata di anidride carbonica.

L’acqua che la casetta distribuisce è potabile, buona e sicura. La Legge in proposito è molto severa; per garantirne il rispetto l’acqua della casetta subisce un doppio ed indipendente controllo:
Controllo interno da parte di AQUA CRISTALLINA;
Controllo esterno da parte dell’Azienda Sanitaria Locale (ASL).
I campioni vengono prelevati lungo tutto il percorso che l’acqua compie per arrivare al pannello di erogazione.

In contenitori adeguatamente puliti, al fresco e al riparo dal sole.
Per quanto tempo si puó conservare l’acqua in bottiglia?
Osservando le regole sopra esposte si consiglia di non conservare l’acqua per lunghi periodi.
Ci sono serbatoi d’acqua nella casetta dell’acqua?
No, viene presa direttamente dall’acquedotto al momento dell’erogazione.

La mancata produzione e smaltimento di PET permette il risparmio di:
• petrolio
• acqua
• vengono ridotte le emissioni in atmosfera di:
• CO2
• ossidi di zolfo
• monossido di carbonio
• idrocarburi

No, la tecnologia in uso evita questo inconveniente.

Si, su tutte le casette AQUA CRISTALLINA è possibile ricaricare e utilizzare la tessera

Potete chiamare il numero verde 800.92.01.06 o mandare una mail di richiesta assistenza nella sezione “Supporto Clienti” vi potremo dare ogni informazione sui distributori locali e suggerirvi il più vicino a voi.

Con monete da 5, 10, 20 50 € cent, 1 e 2€

Carico Acqua con tubo da ½ pollice, Scarico Acqua, Corrente elettrica.

Ogni 11.355 o 34.000 litri a seconda dei filtri impiegati, comunque massimo ogni 6 mesi.

16 watt la lampada in ingresso, 4 watt la lampada in uscita.

Ogni 9000 ore.

Circa 5 grammi.

Una quantità illimitata con un motore da 300 litri/h in erogazione.

Una volta scelto il luogo dove si vuole erigere la “casetta dell’acqua”, basteranno circa due giorni per la sua costruzione. All’interno della struttura verranno installati anche gli impianti per il trattamento dell’acqua.

I modelli per le case dell’acqua che AQUA CRISTALLINA è in grado di fornire è molto varia, inoltre lo staff di progettazione di AQUA CRISTALLINA è a disposizione dell’Ente o del cliente per studiare la soluzione più adatta alle sue esigenze. Nella photogallery dedicata alle casette dell’acqua è possibile vederne alcuni esempi: dalla classica casetta, a strutture personalizzate e fino al modello da incasso tipo Bankomat.

Servirsi delle casette dell’acqua significa evitare l’imbottigliamento dell’acqua minerale e il suo trasporto. Per ogni bottiglia di plastica PET risparmiata ci sono 0,12 grammi di anidride carbonica in meno nell’atmosfera. Notevole è anche il risparmio economico: ogni casa dell’acqua, stimando un’erogazione di circa 1600 litri al giorno, fa risparmiare 3.400 euro che sarebbero stati spesi per lo smaltimento delle bottiglie di plastica.

Per quanto riguarda la sua funzionalità e godibilità per i cittadini, sarebbe ottimale costruire la casa dell’acqua in un’area verde con panchine e un parcheggio vicino. Da un punto di vista tecnico, la casetta dell’acqua deve avere un facile allaccio all’acquedotto, alla corrente elettrica e allo scarico cittadino.

Certo, la definizione di acqua oligominerale (dal greco “oligos” pochi) viene data a tutte le acque che hanno un residuo fisso inferiore a 500mg/l, possiamo quindi tarare l’impianto ad esempio sui 90mg/l oppure 150mg/l che sicuramente fa riferimento alla fascia di acque oligominerali più bevute in commercio.

Per depurare l’acqua fornita dal pubblico acquedotto esistono 2 sistemi principali:
1) Microfiltrazione a carbone attivo;
2) osmosi inversa
Il primo sistema viene utilizzato nella maggior parte dei locali pubblici, bar e ristoranti, uffici e nelle nostre casette dell’acqua AQUA CRISTALLINA, dove vendiamo acqua alla spina.
Tutto il sistema è totalmente certificato dal Ministero della Salute e permette l’eliminazione di cloro, metalli pesanti e tutte le impurità dell’acqua (sabbia, limo e ruggine) fino a 0.5 micron. Rende gradevole l’acqua dell’acquedotto e mantiene inalterati i Sali minerali, permettendo ai locali pubblici di eliminare la spesa fissa dell’acqua minerale e alle famiglie la fatica di acquistarla al supermercato e poi smaltirla.
Il secondo sistema, utilizza, oltre al procedimento descritto in precedenza, le membrane ad osmosi inversa in aggiunta.
A valle dell’impianto ad osmosi -per far sì che possa essere commercializzato e non dare acqua completamente distillata – inseriamo un BY PASS dosatore di Sali minerali e sapore, così come richiede il dm 443/90, che, lavorando sulle pressioni di esercizio, riesce a regolare i Sali minerali e il sapore che ogni cliente ci richiede.

La microfiltrazione è un processo di filtrazione che rimuove le particelle solide da un fluido o da un gas facendolo passare attraverso una membrana microporosa. Il diametro dei pori di queste membrane è di 5 µm. Si tratta di un processo molto simile a quelli di osmosi inversa, ultrafiltrazione e nanofiltrazione da cui differisce quasi esclusivamente per le dimensioni delle particelle trattenute.
La microfiltrazione viene utilizzata principalmente nei processi di potabilizzazione dell’acqua per la rimozione dei batteri patogeni.
Alla microfiltrazione dell’acqua si aggiungono scaglie di rame o argento microforate, essendo tali metalli antibatterici naturali e si antepone un processo di prefiltrazione articolata, basato sull’uso di principi attivi naturali (carboni attivi vegetali) capaci di raccogliere e trattenere a lungo sedimenti, cloro ed altre sostanze inquinanti. Il processo vero e proprio avviene per mezzo di membrane, in genere con un diametro dei pori inferiore o uguale a 0,5 µm (micron), le quali hanno la funzione di trattenere nelle loro maglie i microrganismi.
I filtri, composti da carboni attivi argentizzati garantiscono l’eliminazione di microorganismi in sospensione, rendendo inoltre, l’acqua filtrata gradevole al gusto.

È il processo in cui si forza il passaggio delle molecole di solvente dalla soluzione più concentrata alla soluzione meno concentrata ottenuto applicando alla soluzione più concentrata una pressione maggiore della pressione osmotica.
In pratica, l’osmosi inversa viene realizzata con una membrana che trattiene il soluto da una parte impedendone il passaggio e permette di ricavare il solvente puro dall’altra. Questo fenomeno non è spontaneo e richiede il compimento di un lavoro meccanico pari a quello necessario per annullare l’effetto della pressione osmotica.

Non esiste un sistema migliore “sulla carta”.
Quello che consigliamo sempre è di contattarci ed effettuare un test dell’acqua con cui esamineremo sia la conducibilità , la durezza e la presenza di nitrati dell’’acqua del vostro rubinetto.
In base a questi parametri possiamo capire insieme qual è l’impianto più adeguato alla vostra abitazione.

L’acqua trattata con osmosi inversa è perfettamente adatta all’uso alimentare, tanto che addirittura viene utilizzata comunemente negli ospedali e nei laboratori professionali, luoghi dove l’igiene è il primo requisito.
L’osmosi inversa è la tecnologia più efficace e sicura per filtrare e purificare l’acqua perchè è naturale, infatti non vengono utilizzate sostanze chimiche di nessun genere. Durante questo processo, la percentuale di sali minerali presenti nell’acqua viene drasticamente ridotta e allo stesso tempo vengono eliminati gli agenti inquinanti di natura organica, tramite il regolatore di salinità è possibile ripristinare il quantitativo adeguato di Sali minerali.
Per la precisione viene eliminato tra il 95% e il 99% delle particelle solide (Potassio, Cloruri, Cianuri, Nitrati, Selenio, Amianto, Bario, Pesticidi, Piombo, Mercurio, Manganese, Nichel, Solfati, Arsenico) e il 99% dei batteri.

Permette il raggiungimento dei valori ottimali di pH gastrico;
Rapido superamento degli stati di acidità;
E’ ottima per preparare il latte artificiale ai nostri piccoli;
Riduce il tempo della digestione;
Aiuta in caso di disturbi all’apparato urinario;
Favorisce il superamento dei problemi intestinali in generale;
Velocizza l’eliminazione dell’acido urico in caso di rallentamenti;

Qualora non esistesse il calcare e il cloro, le membrane avrebbero vita eterna. Il cloro viene bloccato dal carbone attivo posto a monte dell’impianto mentre i Sali che formano il calcare vengono separati dalle membrane. Mediamente le nostre membrane hanno una durata che varia dai 70.000 ai 100.000 litri di acqua prodotta ma questa cifra può variare a seconda della qualità della mia acqua.

Di solito si nota poiché torna il bordo del calcare quando facciamo bollire un po’ di acqua in un pentolino (ad esempio quando facciamo il the). Qualora abbiate dei dubbi sulla qualità dell’acqua non esitate a contattarci per un test gratuito dell’acqua.

La nostra gamma di prodotti essendo molto vasta ci permette di trovare sempre una soluzione di spazio. Ad esempio il modello OSMY Gold/Silver/Platinum con un’altezza di soli 10 cm riesce addirittura a stare sotto lo zoccolo delle cucine!

Garantiamo un residuo fisso che varia da 10mg/l a 150mg/l, una conducibilità che varia da 13µS a 250µS e una durezza in gradi francesi che va da 7° a 20°. Tutto questo viene regolato in base alle richieste del cliente relative al sapore e alla presenza di neonati. Infatti, dai recenti studi di medicina, è consigliabile adottare per i neonati acque oligominerali che non vadano oltre i 90mg/l di residuo fisso, la totale assenza di nitrati, cloruri, ammoniaca e metalli pesanti.

E’ necessaria la marchiatura CE e la conformità al DM 443, certificazioni che la nostra produzione ha dal 1990.

Sono due cose separate. L’addolcitore (depuratore per tutta la casa) rende l’acqua priva di calcare poiché viene trattenuto dalle resine a scambio ionico. Infatti scambiano calcio e magnesio [calcare] con il sodio e quindi la conducibilità elettrica rimane comunque alta. Il purificatore invece da sottolavello (osmosi) invece riesce ad abbattere la conducibilità attraverso la separazione dei Sali presenti anche nell’acqua addolcita attraverso il passaggio in fori più piccoli della molecola di sodio. L’addolcitore è utilizzato solamente per l’eliminazione del calcare da lavandini, docce, sanitari, ridurre il consumo di sapone, eliminare la spesa dell’ammorbidente e rendere capelli più lisci e pelle meno secca. Il purificatore ad osmosi inversa invece serve principalmente a “creare un collegamento diretto con un’acqua a 3000 mt di altezza” ovvero a creare un’acqua oligominerale anche dall’acquedotto più calcareo e più clorato che ci sia.

Assolutamente no, anche i produttori di acque minerali, a volte utilizzano l’anidride carbonica per gasare l’acqua. Aqua Cristallina riesce a ricreare anche il sapore delle acque minerali effervescenti naturali, ci contatti e richieda una prova senza impegno!

L’acqua passa prima in un filtro a sedimenti che blocca le impurità più grosse e poi entra nel filtro a carbone attivo che la rende priva di cloro e impurità.
Nell’impianto ad osmosi dopo la fase descritta sopra, l’acqua viene portata a 9 bar di pressione attraverso una motore e pompa prodotti totalmente in Italia. Con questa pressione entra nelle membrane ad osmosi che permettono la separazione dei Sali in eccesso attraverso il passaggio in fori della grandezza di 0,001 micron.
Il sistema è diretto e permette di avere acqua pura in maniera immediata.

Certamente, basterà comunicarlo al tecnico in fase di installazione e comunicarci il cambio indirizzo, potremo sia smontare che rimontare l’impianto presso la nuova abitazione. Esiste anche la possibilità di fare un’installazione con cannellina volante (non fissata al lavello) in vista di un trasloco entro l’anno oppure un’installazione fissa senza buchi sul lavello, con la possibilità di un telecomando che scambi – attraverso un opportuno switch collegato ad una centralina – l’acqua dell’acquedotto con quella purificata

Assolutamente non c’è da preoccuparsi, l’impianto ha un sistema di ricambio dell’acqua ogni 12 ore circa. L’acqua non ristagna mai, comunque consigliamo sempre, dopo un periodo di inattività di far scorrere comunque l’acqua per circa 25-30 secondi

Beh, vorrà dire che prima di noi avranno chiuso i battenti tutte le acque minerali poiché gli acquedotti erogheranno gratuitamente acqua frizzante e oligominerale, che avranno cambiato tutte le tubature che abbiamo in Italia dai tempi di Mussolini e avranno eliminato su tutto il territorio nazionale il calcare. Tutto questo ci porterà a non vendere più e a chiudere!
A parte gli scherzi, i raccordi dei nostri filtri sono ad attacco rapido e sono universali per tutti i tipi di carbone attivo presenti in commercio. Con i contratti di manutenzione programmata rimane comunque di proprietà del cliente l’impianto. Siamo un’azienda giovane e in crescita, ci auguriamo il meglio per noi e per il nostro domani, ma se “del domani non v’è certezza” possiamo, per dimostrarvi la nostra trasparenza, consegnarvi al momento dell’installazione tutti i filtri previsti nelle manutenzioni programmate. Attenzione però, rimarrà vostra cura conservarli in un luogo asciutto, in assenza totale di umidità e lontano dalla luce solare affinchè non si rovinino.

Tanti nostri clienti, come lei, hanno pensato che aggiungere una spesa in un momento storico come questo potrebbe non rivelarsi una scelta giusta. In realtà si tratta solo di spostare una fornitura, anziché al supermercato per tutta la vita (con tutta la fatica connessa e lo smaltimento della plastica) è meglio fare delle piccole quote che tra qualche mese finiranno, non trova?
Se perdessi il lavoro, potrei anche non comprare l’acqua e iniziare a bere quella del rubinetto, mentre se acquistassi l’impianto, anche a rate, dovrei comunque pagarvi lo stesso.
Certamente, ma in realtà è una falsa illusione poiché, da indagini di mercato, è risultato che chi entra in cassa integrazione e/o perde il lavoro, nell’87% dei casi non rinuncia a delle abitudini consolidate nel tempo come fumare, farsi una pizza ogni tanto e non modifica le abitudini di acquisto l’acqua al supermercato. Forse sarà più attento alle offerte e alle promozioni, acquisterà un’acqua in bottiglia che costa meno, ma non torna certo a bere acqua del rubinetto se questa abitudine non c’era prima.
I piani rateali con le nostre società finanziarie convenzionate comprendono, qualora il cliente lo richieda, anche un’assicurazione che copre qualora il cliente perda il lavoro.

Nella maniera più certa. E non ci metto la mano sul fuoco, ma di più. Chi scrive ha una figlia che dal primo giorno di vita ha bevuto acqua dell’acquedotto trattata con un depuratore e ho sempre usato l’acqua del purificatore per preparare il latte in polvere, crema di riso, pappine e da settembre 2011 lo consiglio non solo dal punto di vista commerciale, ma soprattutto da quello di padre.

CASA

HO.RE.CA

il modello da banco: Altezza 36 cm, Larghezza 26 cm, Profondità 40 cm;

Carico Acqua con tubo da ½ pollice, Scarico Acqua (preferibile ma non essenziale), Corrente elettrica

400 watt

11.000 litri o massimo ogni 6 mesi

Solitamente microfiltrazione a 0,5 micron e passaggio in cartuccia a Carboni Attivi (entrambe le filtrazioni sono facoltative e non obbligatorie)

16 watt

Ogni 9.000 ore

fino a 150 litri all’ora